Niccolò Bettarini esce dall’ospedale: “Gli amici mi hanno salvato la vita”

“So di avere degli amici che mi hanno salvato la vita”: queste le parole di Niccolò Bettarini, che oggi è uscito dall’ospedale di Milano dove nella notte di domenica era stato ricoverato in codice rosso.

Niccolò era accompagnato dalla mamma, Simona Ventura, come mostrano le foto, mentre il padre ha postato un “bentornato a casa”.

 

“Non ho mai saputo difendermi”
“Non sono mai stato bravo a raccontarmi – ha aggiunto -. Ma, ora che sto migliorando, sento che sia giusto e doveroso dire diverse cose.

Innanzitutto voglio in questo momento ringraziare la mia famiglia che mi è sempre stata vicino, nei momenti felici come in quelli brutti. Nessuno come lei ha saputo trasmettermi quella forza che mi ha permesso di non mollare mai.

“Sono un ragazzo fortunato”

Sono un ragazzo fortunato e, mai come ora, sento veramente di esserlo, non solo per il fatto di essere qui a scrivervi questo post, ma anche perché so di avere degli amici che mi hanno salvato la vita. Sono cresciuto credendo nell’amicizia, è un valore fondamentale nella mia vita e farei qualunque cosa se degli amici fossero in difficoltà”.

 

Così Niccolò si è salvato: le notizie del 5 luglio

 

Niccolò Bettarini, figlio di Stefano e Simona Ventura, è riuscito a salvarsi per “l’intervento di alcuni degli amici” e di uno in particolare e per questo non è morto a causa della “brutale aggressione”, mentre gli aggressori hanno cercato di ucciderlo. Lo scrive il gip di Milano Stefania Pepe nell’ordinanza di custodia in carcere per i quattro accusati di tentato omicidio.

Il 4 luglio gli interrogatori in carcere

 

 

Saranno interrogati stamattina nel carcere di San Vittore dal gip di Milano, Stefania Pepe, i quattro fermati con l’accusa di tentato omicidio aggravato dai motivi abietti e futili per l’aggressione a coltellate nei confronti di Niccolò Bettarini, figlio di Stefano e Simona Ventura, rimasto ferito domenica mattina davanti alla discoteca Old Fashion.

Chiesta la custodia in carcere per tutti e 4

La Procura ha chiesto la convalida dei fermi e la custodia in carcere per tutti e 4 (due italiani e due albanesi), tra cui Davide Caddeo, 29 anni, principale sospettato di aver inferto i fendenti a Bettarini, con una sfilza di procedimenti penali per rissa e lesioni e più volte denunciato per porto abusivo d’armi perché girava con un coltello a serramanico.

Fuori dalla discoteca un amico di Bettarini, stando alle indagini della Squadra mobile, sarebbe stato aggredito dai quattro e poi Niccolò, intervenuto a sua difesa, è stato picchiato e accoltellato. Dopo gli interrogatori il giudice deciderà sulle convalide dei fermi e sulle misure cautelari.

 

 

 

Fermati due italiani e due albanesi

Sono stati fermati in quattro, quasi tutti con precedenti penali, per l’aggressione di sabato mattina alle 5 a Niccolò Bettarini, 19 anni, figlio della conduttrice tv Simona Ventura e dell’ex calciatore Stefano, accoltellato domenica mattina dopo una fuori dall’Old Fashion, discoteca dei vip a Milano.

Uno dei quattri fermati è legato alla curva dell’Inter, raggiunto da un provvedimento di Daspo negli anni scorsi, ha negato di aver colpito il ragazzo. L’accusa è di tentato omicidio.

Atteso uno stop alla discoteca

Intanto è atteso ad ore il provvedimento del questore di Milano, Marcello Cardona, per sospendere l’attività della discoteca “Old Fashion” di viale Alemagna dopo l’aggressione di sabato notte.

Due italiani e due albanesi

ono due italiani di 24 e 29 anni e altrettanti albanesi di 23 e 29 anni, accusati di tentato omicidio. Che la soluzione fosse nell’aria già si era capito iei: “Li ho riconosciuti, tre di loro sembravano drogati, hanno 30-40 anni, uno aveva gli occhi azzurri. Spero che in galera ci stiano anni”, aveva detto un amico di Niccolò agli agenti della Squadra mobile e della Volante in questura a Milano, mentre aspettava gli altri sul marciapiede di via Fatebenefratelli.

“Niccolò perdeva molto sangue…”

Aveva raccontato che quelli “si accanivano col Betta, ne ho spinto via uno. Lui perdeva molto sangue”. Un altro ragazzo, che aveva assistito all’aggressione di Bettarini aveva aggiunto che “sembravano animali”.

Simona Ventura: “Si sta riprendendo velocemente”

“Nostro figlio Niccolò  è stato aggredito da molte persone mentre cercava di difendere un amico. Fortunatamente le conseguenze non sono gravi. Niccolò si sta riprendendo velocemente, un miracolo visto le 11 coltellate inferte”, avevano scritto Simona Ventura e Stefano Bettarini mentre l’ospedale Niguarda in cui è ricoverato Niccolò spiegava che il “ragazzo presenta lesioni superficiali da taglio su tronco, addome e un arto superiore. Eseguiti tutti i necessari accertamenti, è in programma nei prossimi giorni un intervento per la lesione (a un nervo) riportata all’arto superiore. Le condizioni non sono gravi. La prognosi è comunque riservata”, in attesa, appunto, dell’intervento.

 

Ferito gravemente davanti all’Old Fashion: le notizie del 1° luglio

Un ragazzo di 19 anni, Niccolò Bettarini, figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini, è stato ferito gravemente a coltellate stamani nei pressi della discoteca Old Fashion di Milano, probabilmente nel corso di una lite, di cui non si conoscono le cause. L’episodio è accaduto poco dopo le 5 di stamattina. Il ragazzo è grave, ma – a quanto si è saputo – non è in paricolo di vita.

Niccolò, molto popolare sui social, è stata colpito con undici coltellate. Dodici ore dopo l’aggressione quattro persone sono state invitate in questura perchè sospettate di aver partecipato all’accoltellamento. La procura sta valutando la loro posizione.

Il giovane – qui sopra in una foto di qualche tempo fa su Instagram con i genitori – sarebbe intervenuto per aiutare un amico, è stato portato, in codice rosso, all’ospedale di Niguarda ed è in prognosi riservata.

Un sabato normale finché…

Il ragazzo è stato operato per un tendine reciso ed è sotto osservazione.
Niccolò, con altri amici, aveva trascorso tutta la serata nel locale. Dove, precisa il gestore Roberto Cominardi, il sabato sera era filato liscio e senza incidenti: “Abbiamo visionato le telecamere insieme alla polizia – racconta – e nelle riprese non c’è nulla che potesse far pensare o prevedere una rissa”.

 

La lite fuori dalla discoteca

Quindi la lite sarebbe scoppiate fuori dall’Old Fashion. Gli investigatori stanno raccogliendo le immagini delle telecamere di zona per accertare la dinamica dell’aggressione e individuare gli autori, in attesa di poter sentire la versione della vittima, che a quanto si sa ha avuto un tendine lesionato.

Simona Ventura rassicura gli amici

Poco dopo mezzogionro si fa viva su twitter Simona Ventura, che scrive “Volevo rassicurare tutti: mio figlio Niccolò non è in pericolo di vita”. Finalmente una buona notizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *