Martina (Pd): “Via alla petizione per i vaccini”, le Regioni pronte al ricorso

“In Parlamento il Partito Democratico si opporrà con tutte le sue forze alla scelta della maggioranza di rinviare l’obbligo ai vaccini”.
Così si è espresso il segretario Pd, Maurizio Martina, in un post sulla sua pagina Facebook.


“Fuori dal Parlamento – prosegue Martina – in queste ore sosterremo una Petizione nazionale a partire dalle nostre feste democratiche dell’unità e dai nostri circoli perché migliaia di cittadini possano condividere questa battaglia e chiedere anche così al governo di cancellare questo assurdo emendamento. Non si combatte la scienza, si combattono le malattie. Il diritto alla salute dei bambini non si rinvia”.

 

La presa di posizione delle Regioni

“La proroga dell’obbligo vaccinale è un passo indietro. Lavoriamo perché non passi in Parlamento, altrimenti siamo pronti a ricorrere alla Consulta, perché la Sanità non è una materia esclusiva di competenza dello Stato”:
è il giudizio di Antonio Saitta, assessore alla Sanità della Regione Piemonte e Coordinatore della Commissione Salute della conferenza delle Regioni, che, interpellato dall’Agenzia Ansa, rinnova l’invito al ministro Grillo ad ascoltare le Regioni.

“Non sono un fatto burocratico…”

“I vaccini non sono un fatto burocratico – osserva Saitta -. Consentono di ridurre le malattie gravi e mortali, addirittura di eliminarle.
La proroga è un segnale negativo per chi ha deciso di vaccinare i figli, che sono la stragrande maggioranza. Come Regioni chiediamo al governo di essere sentiti. Se il governo non volesse farlo, e la proroga dovesse passare, allora abbiamo due strade: riprendere il lavoro sull’obbligo vaccinale che le Regioni avevano già fatto, e che era stato interrotto per arrivare alla legge Lorenzin, o ricorrere alla Consulta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *