I repellenti per le zanzare devono avere l’autorizzazione del ministero della Salute

I prodotti repellenti per gli insetti potranno esser venduti solo dopo la registrazione e l’autorizzazione da parte del ministero della Salute, come già accade per i presidi medici. A stabilirlo è stato il Dipartimento generale dei Farmaci e dei Dispositivi Medici per “garantire la sicurezza e l’efficacia del prodotto”.

La presenza del numero di autorizzazione garantirà quindi che i prodotti siano stati sottoposti a valutazione ministerale.

 

Una nota sul portale del Ministero

“Tutti i prodotti – si legge in una nota del 30 luglio pubblicata sul portale del dicastero – che vantano in etichetta un’azione di protezione dagli insetti e dalle punture di insetti, quali ad esempio zanzare, tafani, pappataci, o un’azione mirata ad allontanare gli insetti o renderli innocui nei confronti dell’uomo, sono classificabili come prodotti repellenti e sono posti in commercio solo dopo aver ottenuto una specifica autorizzazione alla commercializzazione da parte del ministero della Salute”.

 

L’importanza del numero di registrazione

La presenza del numero di registrazione rilasciato dal ministero, infatti, si precisa, “assicura che tali prodotti sono stati sottoposti a una preventiva valutazione in modo da garantire la sicurezza e l’efficacia del prodotto nelle condizioni di uso indicate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *